Come scegliere la giacca da cuoco.


Da sempre scegliere l’abbigliamento per il lavoro in cucina adatto è difficile, perché ci si pone varie domande, come ad esempio se scegliere come tessuto il cotone o il poliestere, oppure se bisogna vestirsi in un certo modo in base alla cucina dove si lavora, o ancora come far si che l’abito non sia solo pratico ma anche elegante, ecc..

Fortunatamente ci sono le aziende produttrici che risponderanno a questi quesiti offrendo una vasta gamma di scelta di abbigliamento tra cui scegliere l’abito che più si addice alle proprie esigenze e alla propria personalità. Perché ormai la cucina è un mondo con le proprie regole e chi ci vive dentro tutti i giorni sa che l’abbigliamento gioca un ruolo importante e non si limita solo ad essere una semplice divisa da indossare quando si lavora.

Il primo quesito da porgersi per la giusta scelta dell’abito da cuoco è che ruolo si riveste all’interno della cucina, e in base a quello si avranno diverse vie di scelta. In seguito si deve decidere quale sarà il colore dominante delle divise, in quanto normalmente chi comanda il team di cuochi sceglie il tema e il colore. Difatti molto spesso i semplici chef o i vice non possono decidere di loro spontanea volontà quale abito indossare o quali abbinamenti di colore possono scegliere. In questi casi la scelta migliore ricade sempre su giacche molto minimaliste ma che possono essere di tessuti molto pregiati.

Di norma il tessuto più utilizzato e consigliato è il cotone che è disponibile in molte filature, tra cui l’egiziano, il ring e il rasatello. Difatti questi tessuti vengono spesso trattati con degli appretti che garantiranno in futuro una facile stiratura, un ottimo assorbimento ed asciugatura. Se invece si vuole passare al poliestere, la nuova generazione di questo tessuto ha creato abiti resistenti e più leggeri.